Applicato correttamente alle colture fornisce molibdeno per prevenire gli effetti patofisiologici della carenza di Mo nella pianta.
È una soluzione di molibdeno e aminoacidi, progettata per migliorare l’assorbimento e la traslocazione di Mo da parte delle piante. Attiva la crescita della pianta la aiuta a superare le condizioni di stress. Il Mo è un componente essenziale di due enzimi che convertono il nitrato in nitrito e poi in ammoniaca prima di essere utilizzato per sintetizzare gli aminoacidi all’interno della pianta. Agevola la fissazione dell’azoto atmosferico, da parte dei batteri nelle leguminose aumentandone
l’effetto simbiotico.Le piante usano anche Mo per convertire il fosforo inorganico in forme organiche nella pianta.
In alcune colture l’intera foglia diventa pallida e può anche essere seguita da necrosi marginale. Le foglie possono essere deformate e nelle fasi avanzate, la crescita delle piante e la formazione del flusso saranno limitate. Le colture più sensibili alla carenza di molibdeno sono crocifere (broccoli, cavolfiori, cavoli), legumi (fagioli, piselli, trifogli), stelle di Natale e primule.